image0

Gli spessori nei filati

Care Amiche & Lettrici ben ritrovate sul blog di Arcobaleno.
Oggi un articolo molto semplice dedicato ai termini riguardanti lo spessore dei filati e, in particolare modo, della lana. Infatti siete in molte a chiederci spesso delucidazioni in merito ai termini in riferimento alla grossezza dei filati.
Ricordate sempre che è bene ragionare sempre in metri e mai in peso quando si acquistano filati più o meno preziosi.

Fatta questa premessa ricordate anche che i filati si catalogano in base al numero di capi, cioè di fili, che compongono il filato: un filo, due fili, tre fili ecc ecc.
Questi possono essere più o meno ritorti. Ma sulla ritorsione dei filati scriveremo un apposito articolo.

Oggi trattiamo le grossezze dei filati secondo i tre sistemi più in voga, quello inglese (adottato anche in Europa), quello americano e quello australiano.
Che cosa cambia ? I termini. Gli inglesi e poi noi tutti europei abbiamo utilizzato dei termini specifici a seconda della grossezza del filato.
Gli americani indicano invece, più semplicemente, il numero di capi, così come gli australiani ma con delle differenze.

Per capire la grossezza del filato bisognerà innanzitutto capire da dove viene e chi lo produce.

  • LACE: con questo termine inglese si indica un filato molto sottile, che gli americani classificano come ad un filo (1 play) e gli australiani a due fili (2 play). Generalmente indica un filato da cucito o da uncinetto. I riferimenti specifici sono che in un campione di cm 10×10 ci sono dalle 32 alle 40 maglie rispettivamente con i ferri 1.5 / 2.5;

 

  • FINGERING: con questo termine gli inglesi e noi tutti europei indichiamo il più classico dei filati per realizzare, a ferri od a uncinetto, i calzetti. Infatti i riferimenti specifici sono che in un campione di cm 10×10 ci sono dalle 27 alle 34 maglie con ferri 2.25 / 3.25. Gli americani classificano un filato fingering con il termine 2 ply, mentre per gli australiani è un 3 ply;
  • SPORT: termine inflazionato in ogni negozio di lane, speso usato un po’ a caso, ancor di più per indicare erroneamente una lana lavabile. Nulla di tutto ciò. Il termine Sport sta ad indicare un filato a quattro fili (4 ply) secondo gli americani e cinque fili secondo gli australiani (5 ply). Più semplicemente si tratta di un termine che spesso indica filati con una buona ritorsione e dove in un classico campione cm 10 x 10 vi sono dalle 24 alle 27 maglie rispettivamente con ferri dritti 3.25 / 3.75;
  • DK: altro termine legato ai filati che fa spesso molto discutere. Fughiamo ogni dubbio. Per DK gli americani intendono un filato a sei fili, che però, a differenza degli altri filati, chiamano anche loro DK. Per gli australiani invece un filato DK è un filato a otto fili (8ply). I riferimenti sono che per un campione di cm 10 x 10 di filato DK vi sono dalle 21 alle 24 maglie rispettivamente con un ferro 3.75 / 4.25. È senz’altro uno dei due spessori più venduti in Italia e nel sud Europa;
  • WORSTED: termine esclusivamente europeo ed anglosassone dato che i cugini d’oltreoceano (americani) per intendere questo spessore usano quasi esclusivamente il termine “Aran”. Gli australiani invece indicano semplicemente un 10ply, cioè un filato di dieci fili. Il termine Worsted deriva da un omonimo piccolo paese nella contea del Norfolk e fin dall’antichità con il termine Worsted si indicava un filato più pregiato dell’Aran, più lucido, più morbido e resistente di quello che comunemente viene classificato come “wool”, cioè semplicemente lana. In un campione cm 10 x 10 di filato Worsted vi sono dalle 16 alle 20 maglie con ferri rispettivamente del 4.5 e del 5.5. Attenzione: in alcuni casi troverete la dicitura “light Worsted”. Sono aziende che vogliono differenziarsi. Non si tratta di un Worsted “più leggero” bensì a tutti gli effetti di un filato di spessore DK;
  • BULKY: quello che noi europei siamo comunemente abituati a definire come filato Bulky gli americani lo definiscono con il termine Chunky. Massima attenzione: un filato bulky e uno chunky, spesso, non hanno nulla a che vedere, differendo moltissimo negli spessori. Per gli australiani un filato Bulky equivale ad un dodici fili (12 ply). I riferimenti per un campione di cm 10 x 10 sono dalle 16 alle 10 maglie rispettivamente con ferri 6 – 8.;
  • SUPER BULKY: il termine spiega già molto se si ha chiaro che cosa si intende per Bulky. Gli americani equiparano questo spessore con il termine Super Chunky e gli australiani più semplicemente indicano un 14ply (quattordici fili). In un campione cm 10x 10 le maglie risulteranno dalle 12 alle 6 rispettivamente con ferri 9 – 13.

E ricordate sempre: non ragionate mai in termini di peso bensì sempre in termini di metri necessari. Così, qualsiasi sia lo spessore del filato che userete, potrete facilmente capire il quantitativo giusto di filato da acquistare.

I nostri suggerimenti